Fotografare per dei like. Siamo giunti veramente  a questo ??? 

 

Tutti ormai  sono fotografi, ogni secondo vengono fatti migliaia di scatti che vengono condivisi in tempo reale su i vari social  e quindi fruibili in tutto il mondo.

Possiamo vedere ogni cosa: bellezza, crudeltà, notorietà… tutto e niente. Abbiamo visto così tante cose che siamo quasi insensibili, nulla ci colpisce realmente come accadeva una volta. Vediamo ogni cosa con il pollice che scorre su e giù.

Non ci sono più momenti persi come una volta quando mancava qualcuno che bloccasse l’istante. Grazie a  i Social ogni istante è catturato in centinaia di modi e angolazioni differenti, questo viene poi condiviso istantaneamente e visto da follower che non vedono l’ora di metterti like.

“Ma come diceva Tocqueville la democrazia è la tirannia delle masse”

 

Ora direte che faccio il Fenomeno. Ma sono solo io che mi sento un po’ stranito di come sta diventando la fotografia ???

Specifichiamo che anche un Social come può essere Instagram è fotografia che lo si voglia o meno, Sto solo dicendo che la fotografia sta venendo sottovalutata, principalmente perché c’è un eccesso di scatti e come ogni cosa più c’è richiesta più la qualità si abbassa.

Con le nuove macchine fotografiche non è poi così difficile fare una foto decente. Studiare le tecniche fotografiche, la storia, la composizione non è più così importante visto l’utilizzo che poi si farà.

In passato i fotografi dovevano affidarsi alla bravura e all’istinto non potendo vedere il loro risultato fino alla camera oscura (e attenzione i rullini costavano un sacco). Ora la persona può scattare centinaia di foto e fare un check dello scatto sia sul mirino ancora prima di premere il tasto, che successivamente a foto scattata ed infine sullo schermo del pc.

La fotografia è diventata puro divertimento.

Abbiamo abbracciato il digitale. È incredibile come si riesce a fare una foto carina senza tanta difficoltà! Il tutto è dentro a quel cellulare che si ha sempre in mano, è praticamente un gioco divertente con il punta e scatta… ma era anche una vergogna per uno che proveniva dal mondo antico della fotografia. Con uno smartphone però si è sempre pronti a documentare, c’è sempre qualcosa da catturare e condividere.

E booooooom tutti a condividere immagini a cazzum !!! ( un favore non perdete tempo a fotografare il piatto di pasta ,si raffredda echecazz……)

Ma il divertimento della condivisione dura poco. Essendoci un’offerta di immagini enorme la foto di ieri è già vecchia, nessuno la guarda più, anche chi l’ha scattata se la scorda.

L’obiettivo comunque non è più la divulgazione ma la popolarità. Il ragionamento è semplice: non importa che la tua foto sia unica e piena di significato, basta avere tanti like . Se nessuno vede la tua foto nessuno ti reputa bravo  (Sappilo) !!!

Quello che vuole il pubblico è cambiato. Se la foto è fatta da uno popolare allora è bella e via con i LIKEEEEE , non importa se l’immagine è banale o addirittura scadente. Il mondo vuole la popolarità. Quelli con più follower e/o like sono bravissimi, gli altri feccia. ( Peccato che vedo alcuni fotografi poco conosciuti che vorrei tanto imparare da loro, piuttosto da quello che fa il fenomeno ,che poi vedi degli scatti che dici “bhoo” )

Già direte voi allora è colpa degli altri e fai del vittimismo… uhm no è solo che ormai il mondo ha già visto tutto.

Il mondo ora è così… che deve fare un’aspirante fotografo quindi ? Che scopo deve darsi ? La gente vuole vedere qualcosa di nuovo ma sopratutto deve essere Virale !

Per scattare una foto unica e autentica il fotografo viaggia in posti desolati , va a scattare in orari assurdi ( magari gira tutta la notte per cercare lo scatto magico quello da dire “WoW” ,e magari mette a repentaglio la sua vita ma nessuno ci fa caso, perché tutto passa veloce.

Per il pubblico il fotografo di strada è quello che fotografa i pedoni, quelli di moda una delle tante ragazze bellissime, quello di paesaggio un tramonto … ma questo mondo non l’abbiamo già visto ragazzi ???

Sembra una brutta concezione vista così, ma lo è davvero , Se ci facciamo un’analisi, la ricerca di popolarità è dentro ognuno di noi. Non è poi così superficiale. Il fotografo si è evoluto trovando una nuova dimensione.

“La popolarità è il nuovo valore aggiunto” ,

Un fotografo ora non necessariamente deve rischiare la vita e l’incolumità fisica per essere notato. Il nuovo fotografo non deve ignorare la propria popolarità sui social. Internet ormai è il mezzo di come i suoi lavori arrivano al pubblico come lo erano una volta le mostre, i lavori con i vip e i libri

 

Se ti piace quello che ho scritto, non dimenticare di seguirmi su https://www.facebook.com/FotoPeter-494195894045256/   e  https://www.instagram.com/fotopeter10/    . Anche io voglio la notorietà di cui ho parlato alla fine e, se apprezzate i miei sforzi, so che lo farete. Ah ma è anche il miglior modo per rimanere aggiornati su tutto quello che faccio… e spero di farlo nel miglior modo per renderlo a voi interessante. Ho messo pure delle mie foto lungo l’articolo per convincerti a seguirmi , ora tocca a te !!!

Dai metti anche tu questo LIKE………….